Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookies Policy

L'evento si svolgerà al Polo Natatorio di Ostia sabato 25 e domenica 26 novembre 2023. Previsto il record di partecipanti. Il presidente Moroli: “Passerella per la Lazio e per Fantin, ma non solo”

Il countdown è iniziato. Sabato 25 novembre alle 17.30 scatta la V edizione dei campionati italiani assoluti di nuoto paralimpico organizzata dalla Lazio Nuoto, i cui referenti saranno Claudio Sebastianutti e Katrina Moroli, mentre la delegazione regionale Lazio verrà rappresentata da Roberto Pasquini. In programma due giornate di gare in corta al Polo natatorio di Ostia. Record di partecipazione con 66 società e 219 atleti (141 uomini e 78 donne). La società più numerosa è proprio la padrona di casa S.S. Lazio nuoto con 22 atleti, seguita dalla Polha Varese con 20 iscritti e dal Centro Sportivo Portici con 19. Domenica 26 si inizia alle 10.30.

Parteciperanno le grandi stelle del nuoto paralimpico che hanno dominato lo scenario internazionale assicurandosi le classifiche per nazioni degli ultimi 5 anni e che alle ultime Paralimpiadi di Tokyo 2020 hanno conquistato ben 39 medaglie sulle 69 messe in palio. Si respira aria di grande evento anche perché i risultati avranno valore indicativo per la formazione della Squadra Nazionale che andrà a difendere i colori dell’Italia agli imminenti Campionati Europei e soprattutto alle Paralimpiadi di Parigi 2024.

Il presidente della S.S. Lazio Nuoto Massimo Moroli non vede l'ora di iniziare: “La Lazio Nuoto, che ha ricevuto dalla FINP l’onore di organizzare l’evento e con 23 concorrenti è la squadra con maggiori presenze, offrirà l’occasione di una passerella in casa del suo campione superstar Antonio Fantin, 1 oro Paralimpico, 10 ori e 10 record Mondiali all’attivo. Sarà anche l’occasione per lanciare nel firmamento delle grandi speranze i suoi golden boy del vivaio Gabriele Buffa, Vittorio Apostoli, Tommaso Lollobattista e Domiziana Mecenate”.

L’organizzazione, sostenuta dal Patrocinio del Comune di Roma, sta già scaldando i motori per l’apertura delle competizioni di sabato alle 17,30 al Polo Natatorio Fin di Ostia con i 50 stile libero, 50 farfalla e 50 dorso S1 – S14 e i 100 rana SB4 – SB14. Si ripartirà domenica 26 novembre alle ore 10.00 con i 100 stile libero S1 – S14, 50 rana SB2 – SB14, 100 dorso S1 – S14, 100 misti SM5 – SM14, 100 farfalla S8 – S14. Presente ai blocchi di partenza una parte della Nazionale azzurra Campione del mondo a Manchester 2023: Antonio Fantin (G.S. FF.OO/SS Lazio nuoto), Simone Barlaam (G.S FF.OO/Polha Varese), Federico Bicelli (G.S Fiamme Azzurre/ Pol. Bresciana No Frontiere), Riccardo Menciotti (C.C. Aniene), Alessia Scortechini (C.C Aniene), Luigi Beggiato (G.S. Fiamme Gialle/ C.S. Guardia di Finanza), Xenia Francesca Palazzo (G.S. Fiamme Azzurre/Verona Swimming Team), Vincenzo Boni ( G.S FF.OO/ Caravaggio Sporting Village), Emmanuele Marigliano (C.S Portici), Giulia Ghiretti (G.S FF. OO/ Ego Nuoto), Manuel Mateo Bortuzzo (G.S FF.OO), Stefano Raimondi (G.S FF.OO), Francesco Bocciardo (G.S FF.OO/Nuotatori Genovesi), Monica Boggioni (G.S FF.OO/Pavia Nuoto), Alberto Amodeo (Polha Varese), Alessia Berra (Polha Varese), Arianna Talamona (Polha Varese), Federico Morlacchi (Fiamme Azzurre/ Polha Varese), Carlotta Gilli (G.S FF.OO/Rari Nantes Torino).

Presente a bordo vasca lo staff tecnico nazionale composto dal dt Riccardo Vernole e dai tecnici nazionali: Vincenzo Allocco, Federica Fornasiero, Matteo Poli, Enrico Testa e Massimiliano Tosin.

Le dichiarazioni del direttore tecnico Riccardo Vernole "Questi campionati assoluti in corta rappresentano una tappa molto importante nel nostro percorso agonistico verso gli appuntamenti internazionali della stagione; rappresentano un momento di verifica molto ampio in vista dei Campionati Europei in Portogallo prima e dei Giochi Paralimpici di Parigi 2024 poi”.

 

Ufficio stampa Lazio Nuoto

Sabato 18 novembre, ore 18:30. Al Centro Sportivo Le Cupole di Acilia, la Lazio Nuoto ospita l’Olympic Roma nella 3ª giornata del campionato nazionale di serie A2. Nel primo dei due derby romani che affronteranno le aquile di Daniele Ruffelli - sabato 25 impegnate al Foro Italico contro il Delta, ndr - l’imperativo è vincere. L’obiettivo di tutta la squadra è cancellare lo 0 in classifica alla voce punti, per rilanciarsi verso zone più ambiziose della graduatoria.

Niente drammi, ovvio. Le due sconfitte nelle prime due giornate con Arechi e Crotone non hanno fiaccato il morale del gruppo e l’intensità degli allenamenti della settimana. I biancocelesti devono trovare maggiore solidità difensiva e più tranquillità, soprattutto nei momenti cruciali del match. Leporale e Vittorioso si pongono ancora alla guida di un gruppo di giovanissimi, pronto a divertirsi, giocare e mostrare tutte le proprie qualità anche in un campionato senior.

Se Atene piange, Sparta non ride. L’inizio di stagione è stato complicato anche per l’Olympic Roma, allenata dallo storico capitano del Settebello - campione di tutto - Mario Fiorillo. Dopo la sconfitta di misura alla Prima contro il Crotone, nell’ultimo turno l’Olympic ha acciuffato all’ultima azione un pareggio contro il Delta. Di certo, la squadra del tecnico napoletano entrerà in acqua con il coltello tra i denti. Alla Lazio Nuoto il compito di rispondere colpo su colpo: siamo pronti ad assistere ad uno spettacolo tutto da vivere.

Queste le parole di Giorgio Giacomone: «La partita contro l’Olympic Roma sicuramente sarà complicata. Sta a noi farla diventare semplice, con un grande approccio e una buona tenuta mentale per tutto l’arco del match. Vogliamo i primi 3 punti della stagione davanti ai nostri tifosi».

Ricordiamo che è possibile assistere alla partita al Centro Sportivo Le Cupole di via Gino Bonichi 17 gratuitamente. Il match verrà anche trasmesso in diretta streaming sul canale You Tube della Lazio Nuoto.

A disposizione del tecnico Daniele Ruffelli: Piccionetti F., Barigelli Calcari A., Dominici F., Giacomone G., Troiani N., Marini L., Tresa D., Bucan N., Leporale M., Vittorioso A., Costanzo A., Nenni A., Pannaccio Y., Olivi A., Marchetti M., Gatto N.

 

Andrea Esposito

S.S. Lazio Nuoto

Sabato 4 novembre, ore 18:30, la Lazio Nuoto inizia una nuova, avvincente stagione. Al Centro Sportivo Le Cupole, le aquile del neo coach Daniele Ruffelli ospitano la R.N. Arechi, squadra di Salerno, neo promossa in serie A2. I biancocelesti vogliono presentarsi nel miglior modo possibile al proprio pubblico. L’obiettivo è rompere subito il ghiaccio dell’esordio e conquistare 3 punti per iniziare a muovere la classifica.

Rispetto alla passata stagione, il roster è rimasto più o meno invariato. A Marko Jankovic, la società ha sostituito un altro giocatore serbo, Nikola Bucan, sempre di scuola Partizan Belgrado. Per il resto, ancora il capitano Matteo Leporale e la leggenda Antonio Vittorioso a guidare un gruppo di giovani con qualità importanti, entusiasmo e una voglia matta di emergere. Gli altri giocatori sono praticamente la squadra U18 Campione d’Italia a Chiavari nello scorso luglio, impreziosita dall’arrivo di Niccolò Gatto, classe 2005 che lo scudetto lo ha vinto nella categoria U20 con i Distretti Ecologici.

Per tutti, un anno in più di esperienza e - soprattutto - di duro lavoro. La Lazio Nuoto, quindi, si presenta ai nastri di partenza con una rosa davvero simile, ma profondamente cambiata rispetto a quella dell’anno scorso. Se ad essere diverse saranno anche le ambizioni, ce lo potrà dire solo il tempo e un campionato in cui le aquile hanno la voglia di essere protagoniste.

Queste le parole del capitano dei biancocelesti Matteo Leporale: «Domani esordio importante. Dobbiamo cercare subito i 3 punti, giochiamo in casa, con una neopromossa, che però di certo non verrà a Roma in gita scolastica. Non sono cambiati gli uomini, ma sono cambiate tante cose rispetto allo scorso anno, sia il modo di stare in vasca che i metodi di allenamento. Abbiamo dato tutti il massimo per farci trovare pronti: in becco all’aquila a tutti i miei compagni».

Ricordiamo che è possibile assistere alla partita al Centro Sportivo Le Cupole di via Gino Bonichi 17 gratuitamente. Il match verrà anche trasmesso in diretta streaming sul canale You Tube della Lazio Nuoto.

A disposizione del tecnico Daniele Ruffelli: Piccionetti F., Barigelli Calcari A., Dominici F., Giacomone G., Troiani N., Marini L., Tresa D., Bucan N., Leporale M., Vittorioso A., Costanzo A., Nenni A., Pannaccio Y., Olivi A., Marchetti M., Gatto N., Moroni G., Righetti T.

 

Andrea Esposito

S.S. Lazio Nuoto

Non è iniziato nel migliore dei modi il campionato 2023/24 della Lazio Nuoto, sconfitta 7-9 all’esordio casalingo dalla neopromossa R.N. Arechi. Sabato 11 novembre, ore 14:30, sulla strada dei biancocelesti si para un’altra società appena salita dalla cadetteria, la R.N. Auditore Crotone. Occhio, però: i calabresi hanno allestito un roster più che competitivo, rinforzando la già ottima squadra con cui avevano dominato la serie B.

I ragazzi di Daniele Ruffelli partiranno da Roma nella giornata di venerdì, per affrontare al meglio il lungo viaggio. Crotone è senza dubbio la trasferta meno comoda della stagione. Non solo per i kilometri e la strada impervia, ma anche e soprattutto per giocatori di spessore ed esperienza come il centroboa Lapenna, l’argento olimpico Giacoppo, i tiratori Privitera e Caliogna. Una filosofia del tutto opposta a quella del club di Massimo Moroli, che presenta sì una rosa di qualità, ma giovane e di belle speranze.

Lazio Nuoto - R.N. Crotone allora è anche la sfida tra due modi diversi di affrontare un campionato impegnativo come la serie A2, già entrato nel vivo e ricco di emozioni. Le giovani aquile, capitanate da Leporale e Vittorioso, sono in cerca di riscatto e dei primi punti della stagione. Tornare con il sorriso da quella che è una delle più antiche e importanti polis della Magna Grecia non sarà per niente semplice, ma è certo che i biancocelesti venderanno cara la pelle

Queste le parole di Angelo Nenni: «Sabato giochiamo contro un’altra neopromossa, assolutamente da non sottovalutare. Sarà una partita molto combattuta, ma abbiamo tanta voglia di tornare a casa con i primi 3 punti della stagione e rialzare il morale dopo la sconfitta subita nella prima partita».

A disposizione del tecnico Daniele Ruffelli: Piccionetti F., Barigelli Calcari A., Dominici F., Giacomone G., Troiani N., Marini L., Tresa D., Bucan N., Leporale M., Vittorioso A., Costanzo A., Nenni A., Pannaccio Y., Olivi A., Marchetti M., Gatto N.

 

Andrea Esposito

S.S. Lazio Nuoto

È tempo di conferme importanti in casa Lazio Nuoto. Dopo la più che buona stagione conclusa a un passo dai play off, Iacopo Spagnoli è confermato come allenatore della prima squadra femminile e responsabile tecnico del settore rosa del club biancoceleste. Come già accaduto nell’ultimo anno, Spagnoli si occuperà anche della costruzione e dello sviluppo del settore giovanile femminile.  Compito non semplice in un momento storico in cui - nonostante la recente impresa del Setterosa ai Mondiali di Fukuoka - pochissime ragazze si avvicinano alla pallanuoto.

Spagnoli ha chiuso al quarto posto in serie A2 la sua prima stagione da tecnico di una squadra femminile. Dopo tanti anni passati nel settore maschile, nella scorsa estate Iacopo ha colto al volo questa nuova sfida. Che lo ha visto davvero protagonista di un ottimo lavoro, soprattutto nella costruzione di un gruppo squadra unito e solido, che incarna perfettamente i valori più stretti della Lazialità

Le parole di Iacopo Spagnoli: «Lo scorso anno - quando in estate è iniziata questa nuova avventura  - con la società ci eravamo riproposti di aumentare i numeri del settore giovanile, consolidando il progetto femminile di casa Lazio e di disputare un buon campionato di serie A2. Abbiamo centrato entrambi gli obiettivi, con mia grande soddisfazione. Il prossimo campionato sarà ancora più difficile, il livello sembra essersi alzato. Le neopromosse daranno filo da torcere a tutti e le nostre avversarie dirette si sono rafforzate».

Continua l’allenatore biancoceleste: «Con Enrico Alonzi stiamo sondando le opportunità che il mercato ci riserva. Vogliamo chiudere qualche colpo in entrata in modo da garantire un po’ di stabilità ad una rosa molto giovane. Gli obiettivi per la prossima stagione sono ampliare ancora di più i numeri del settore giovanile, garantire spazio in prima squadra alle nostre under che dimostrano con il lavoro e i duri allenamenti di meritare la categoria e disputare un buon campionato di serie A2, cercando di essere la mina vagante del torneo. Siamo consci di aver perso delle giocatrici importanti, ma non vogliamo precluderci alcun obiettivo. Portare in alto il settore femminile è una sfida avvincente e richiede tempo e sacrifici. La strada intrapresa è quella giusta, abbiamo bruciato le prime tappe grazie al lavoro di tutte le componenti, ognuna nel suo ruolo. La Lazio Nuoto diventerà presto una realtà importante nel panorama nazionale anche nel campo femminile».

Il direttore generale Enrico Alonzi: «Sono felicissimo che Iacopo abbia sposato in pieno il nuovissimo progetto rosa della Lazio Nuoto. Soprattutto, sono felice di come si è calato nel suo nuovo ruolo. Io sono sempre stato convinto che lui potesse essere la persona giusta, proprio perché oltre ad essere un ottimo allenatore, è anche un grande osservatore. Sempre attento al gruppo a 360 gradi, trova costantemente il giusto approccio per tirare fuori il massimo dalle ragazze. Lo vedo molto preso nel suo lavoro e questo mi fa molto piacere. Deve darmi atto che lo avevo avvertito: una volta allenate le donne non si torna più ad allenare il settore maschile».

 

Andrea Esposito

S.S. Lazio Nuoto 

Debutto amaro per la Lazio Nuoto che perde la prima in casa. Salerno vince 9-7 grazie a una partenza e un finale migliore. Ruffelli fa “mea culpa”: “Mi prendo le responsabilità della sconfitta”. Giacomone: “Presi gol evitabili”.

Foto Marika Torcivia

La Lazio Nuoto paga l'avvio negativo della partita e perde al debutto nel campionato di serie A2. Al Centro Sportivo Le Cupole di Acilia, sorride l'Arechi Salerno che passa 9-7. Gli ospiti costruiscono la vittoria nei primi minuti (0-3) con i gol di Gregorio, De Sio ed Apicella. I biancocelesti, forse bloccati dall'emozione, si svegliano nell'ultima parte del secondo tempo quando riescono ad accorciare le distanze con Barigelli e Dominici (2-3). Nel terzo tempo la partita diventa molto avvincente e piena di ribaltamenti di fronte. La Lazio riesce anche a trovare il vantaggio (5-4) con il neo acquisto Bucan, ma è solo un'illusione. Nell'ultimo periodo, l'Arechi Salerno riesce a portare la partita dalla propria parte e ad ottenere i primi tre punti della stagione.

L'allenatore della Lazio Nuoto, Daniele Ruffelli: «Siamo stati in difficoltà tutta la partita. Ho gestito male la gara, perchè avrei dovuto prendere alcune accortezze in più per limitare gli avversari. I giovani erano molto emozionati e alcuni errori in serie A non te li perdonano. Abbiamo sbagliato la fase difensiva, 9 gol subiti sono troppi, e dovevamo tirare meglio. Non dobbiamo abbatterci, siamo solo alla prima partita».

Il giocatore della Lazio Nuoto, Giorgio Giacomone: «È stata una partita molto complicata fin dall'inizio. E' stata la prima gara con il palazzetto pieno e abbiamo avvertito troppa tensione. Abbiamo preso dei gol evitabili e non siamo riusciti a sfruttare la superiorità numerica. Dobbiamo lavorare di più sull'aspetto emotivo e sulla difesa».

S.S. LAZIO NUOTO-BRICOBROS ARECHI 7-9 (0-2, 2-1, 3-3, 1-3)

S.S. LAZIO NUOTO: Y. Pannaccio, A. Barigelli 2, F. Dominici 2, G. Giacomone 1, A. Olivi, L. Marini, N. Bucan 1, A. Costanzo, M. Leporale, A. Vittorioso, N. Troiani, A. Nenni 1, M. Marchetti, D. Tresa. TPV: D. Ruffelli.

BRICOBROS ARECHI: M. Vitolo, B. Longo, A. Paglietta, P. Carrella, C. De Sio 1, A. Ragosta 2, L. Albano, G. Gregorio 4, P. Nina, M. Vuolo 1, P. Iannicelli, A. Apicella 1, F. De Totero, F. Maiorano. TPV: R. Baviera.

Arbitri: Severo e Isaja.


05
Lug
23

Dopo ben sedici anni dall’ultimo titolo di categoria, la Lazio Nuoto è Campione d’Italia. I biancocelesti trionfano alle Final Eight U18 di Chiavari, battendo in finale 7-12 la Roma Vis Nova, ultima vincitrice dello scudetto. Un titolo meritato dai ragazzi di Daniele Ruffelli, che nella quattro giorni ligure hanno vinto tutte le partite, convincendo nel gioco oltre che nei risultati. Grande gioia e soddisfazione per tutte le componenti del club biancoceleste: che questo riconoscimento sia solo l’inizio di un lungo percorso, ancora tutto da scrivere.

Le parole dell’allenatore Daniele Ruffelli: «Questo titolo è solamente la punta di un iceberg. Fa parte di un lavoro di equipe partito nella nostra storica piscina della Garbatella con Enrico Malvestiti, terminato con con la prima squadra con Claudio Sebastianutti e passato attraverso uno staff tecnico che ogni giorno ha dato qualcosa per la crescita di questa squadra. Dietro questo gruppo abbiamo numerosi ragazzi e bambini che sognano di emulare i loro compagni più grandi. Sono contento per i nostri atleti che hanno lavorato duro per ottenere questo risultato. Oggi festeggiamo e da domani avremo due settimane di vacanza ma poi torneremo subito in vasca per preparare le finali U16».

Il presidente Massimo Moroli: «È un successo che riempie d’orgoglio la Lazio Nuoto e scrive un’altra pagina della nostra infinita storia. Un titolo che premia tredici (e più) ragazzi meravigliosi, uno staff tecnico che non ha eguali in Italia e un progetto nato due anni fa con in sinergia con i Gladiators, che ha coinvolto l’entusiasmo di diversi importanti impianti su Roma, tra cui Le Cupole. Tutto questo sull’onda della più autentica vocazione del nostro sodalizio verso i giovani, il vivaio e la cantera dove costruire i Campioni del domani. E comunque calma perché la stagione non è ancora finita. Mancano le finali U16 di agosto, a cui parteciperemo con ben nove giocatori oggi Campioni d’Italia con l’U18».

Il direttore generale Orazio Piccinini: «Godiamoci questo successo meritato, trasparente e limpido come questo sport! Complimenti agli avversari, ma con questa vittoria - dopo tre anni di sacrifici - da parte di tutta la S.S. Lazio Nuoto abbiamo riportato la società dove merita. Ringrazio vivamente tutta la famiglia biancoceleste, dove per famiglia si intende proprio tutti. Dai giocatori (anche quelli non presenti a queste finali) che sacrificano la vita privata per allenarsi come atleti professionisti, ai genitori che sacrificano la vita - sia in termini di tempo che in termini economici - per permettere ai figli di poter praticare questo sport a livello agonistico. Poi, a tutto lo staff tecnico della S.S. Lazio Nuoto, che dedica la vita a questa passione e a tutti gli altri dirigenti e non tecnici, tra cui cito Federico Marietti. Un ringraziamento speciale alla Società, che ha capito che l’unica strada per sopravvivere è quella di investire nel settore giovanile, che nel prossimo futuro ci darà ancora tante soddisfazioni e ci permetterà - spero presto - di ritornare in serie A1 con la prima squadra. Un ringraziamento speciale anche al Centro Sportivo Le Cupole - che da due anni ci ospita - e al suo Presidente. Infine un ringraziamento alla mia famiglia, in particolare a mia moglie, che mi permette di dedicare tanto tempo della mia vita privata a questa mia passione».

 

Foto di Giorgio Scarfi

 

Andrea Esposito

S.S. Lazio Nuoto

Altri articoli...