Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookies Policy

Prof 1

Frongia LazioAncora una volta la Lazio Nuoto si trova costretta a replicare a l’ennesimo messaggio pubblico  del presidente della commissione sport del comune di Roma, Angelo Diario per precisare in particolare le sue dichiarazioni in cui sostiene che il bando della piscina della Garbatella sia frutto di un regolamento condiviso dall’ex Cogisco (Coordinamento gestori impianti sportivi comunali) e dalla stessa Lazio.

- Lazio Nuoto non ha mai chiesto un “rinnovo” della concessione, aveva iniziato a lavorare su un project financing, alternativo al bando, come ammesso dallo stesso Angelo Diario che era a conoscenza dell’iniziativa e l’aveva condivisa.

- La Lazio Nuoto non ha mai apprezzato i contenuti del regolamento, semmai lo sforzo inziale per cercare di coinvolgere le realtà sportive, tradite dal testo finale

- Il Cogisco e lo stesso presidente della Lazio Nuoto Massimo Moroli non hanno mai condiviso il contenuto del regolamento, a tal proposito alleghiamo la nota dell’ex Cogisco pubblicata dopo il post di Diario

REPLICA DELL’EX COGISCO (Coordinamento gestori impianti sportivi comunali) AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE SPORT DEL COMUNE DI ROMA, ANGELO DIARIO

"Il Cogisco si è confrontato a lungo e in molte occasioni con l'assessore Frongia e con il presidente Diario ma alla fine ci siamo dovuti arrendere alla sordità e alla chiusura, come testimoniato dai numerosi comunicati, alcuni dei quali ripresi dalla stampa.
Angelo Diario ancora una volta distorce la realtà dei fatti e ancora pesano il contenuto e il tono degli interventi in aula di Frongia e Diario il giorno della discussione del nuovo regolamento.
Costoro, con davvero poco rispetto del loro ruolo istituzionale, (ahimè non è la prima né l'ultima volta) non esitarono a dileggiare il Cogisco e la sua scarsa rappresentatività
Ci siamo dimessi dal Cogisco proprio a seguito dell’evidente mancanza di risultati dal confronto con l'amministrazione. Massimo Moroli, con altri, ha dato il suo contributo ma questo regolamento non è "figlio" del Cogisco, è tutta responsabilità della maggioranza che governa il Campidoglio."

Massimo Tafuro – Ex Presidente Cogisco e Andrea Novelli Ex membro cons. direttivo Cogisco

Infine, visto che pubblicamente continuano a ribadire come non sia vero che l’incidenza del 30% sul bando sia il massimo previsto dalla legge (codice dei contratti) per l’offerta economica, invitiamo l’assessore allo sport Frongia e il presidente della commissione Sport Diario a rendere pubblici, in piena trasparenza, il parere dell’avvocatura e dell’anticorruzione che sosterrebbe la tesi opposta.