Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookies Policy

17
Mar
18

RecLazA Sori finisce 18 a 4 per la capolista che mostra la sua potenza fin dall’inizio. La Lazio, senza Cannella, lascia spazi alla Pro e viene punita. Ma la testa è già alla Florentia. Primo gol stagionale per Ferrante: “farlo a Tempesti un’emozione”, Sebastianutti: “I giovani devono imparare da questi giocatori”.

Trasferta sempre complicata quella nella vasca della capolista Recco, imbattuta, senza mai una flessione e con lo sguardo rivolto verso un nuovo titolo. Nella 18^ di A1 i ragazzi di Sebastianutti escono con le ossa rotte dalla piscina dei campioni d’Italia e rimediano un sonoro 18 a 4 al termine di un match mai in discussione. Le aquile, prive di Cannella, rimasto a Roma per un problema fisico, lasciano troppo spazio agli avversari che colpiscono più volte in ripartenza e concedono poco agli ospiti. Solo tre espulsioni in un confronto corretto anche perché indirizzato fin dai primi istanti. A complicare l’impresa dei capitolini poi, la difficile trasferta iniziata all’alba, e il carico di lavoro a cui il gruppo si è sottoposto in settimana in vista dei prossimi decisivi impegni per provare a centrare una grande salvezza diretta.

A fine gare le parole di Claudio Sebastianutti, allenatore della SS Lazio Nuoto: “Sapevamo che era difficile, anche fisicamente, la loro intensità è impressionante, non danno mai tregua. I ragazzi si sono svegliati presto, la trasferta è stata lunga, in più avevamo caricato anche in vista dei prossimi impegni e abbiamo subito le loro ripartenze, in difesa raramente abbiamo giocato a uomini pari. Il nostro obiettivo è raggiungere questa intensità, studiarla, provare ad applicarla al nostro gioco, i giovani devono imparare da queste partite, devono essere un traguardo per loro”.

E a proposito di giovani, primo gol stagionale per il mancino biancoceleste Marco Ferrante: “E’ stata una bella emozione, fare gol è sempre bello, poi se lo fai a Tempesti vale ancora di più. Ci hanno pressato dall’inizio alla fine e si è sentito. Quando giochi contro giocatori del genere hai solo da imparare, provi a dare il meglio di te stesso. Sabato abbiamo una partita fondamentale, sicuramente più alla nostra portata”.

L’attesa si fa sentire, tra una settimana si torna al Foro per il confronto con la Florentia che può valere un bel pezzo di stagione.


PRO RECCO N e PN-SS LAZIO NUOTO 18-4
PRO RECCO N e PN: Tempesti, Di Fulvio 1, Alesiani 1, Bruni 2, Molina Rios 3, Bodegas 1, Garaventa, Echenique Saglietti 3, Figari 2, Caliogna 2, Aicardi 2, Gitto 1, Massaro. All. Vujasinovic
SS LAZIO NUOTO: Correggia, Tulli, Colosimo, Spione, Gianni, Di Rocco, Giorgi 1, Ferrante 1, Leporale 1, Vitale 1, Maddaluno, Sebastiani, Mariani. All. Sebastianutti
Arbitri: Carmignani e Ercoli
Parziali 6-2, 3-1, 5-0, 4-1
Nella Lazio Mariani sostituisce in porta Correggia al minuto 5'20" del terzo tempo. Superiorità numeriche: Recco 0/1 e Lazio 0/2. Spettatori 100 circa