Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookies Policy

RUSSOL’ex atleta biancoceleste torna a casa, sarà inserito nello staff tecnico che si occuperà del settore giovanile, dopo i tanti successi ottenuti nelle più importanti realtà della capitale.
“La Lazio c’è sempre, dal 1900, per me che sono stato giocatore e capitano non è una società, ma la società, l’unica, il punto di arrivo più importante, la realtà storica per eccellenza nella capitale e nella pallanuoto”, parole di Luciano Russo, il pluridecorato tecnico delle giovanili che torna nella società che lo ha cresciuto, la Lazio appunto, con cui iniziò a nuotare giovanissimo.

200709 VOLANTINO x presentaz PROGETTO DONNE Social PGiovedì 9 luglio all’Eur Social Park, ore 19, la presentazione con tecnici di grande esperienza come Luciano Russo, Flavia Muccia e Enrico Alonzi. Selezioni aperte ad atlete di ogni età ed esperienza120 anni di storia come sezione più titolata fra quelle della Polisportiva Lazio, successi, imprese e un settore giovanile che ha sfornato campioni in ogni epoca. Ma alla Lazio Nuoto manca ancora la quota rosa in una delle sue discipline più celebri, la Pallanuoto.

MassimoSe c’era qualche dubbio dopo il dispositivo preliminare il Tar, con la pubblicazione delle motivazioni conclusive della sentenza, ha chiarito tutti gli aspetti del contenzioso ribadendo il pieno accoglimento del nostro ricorso contro la concessione dell’impianto natatorio di Via Giustiniano Imperatore alla SSD Maximo.


Tec MPreparatore atletico e tecnico delle giovanili, Andrea Perazzetti commenta così il suo arrivo alla Lazio Nuoto, nuova pedina preziosa per arricchire il settore che con un progetto ambizioso punta a crescere ulteriormente.

RufLazio, per le giovanili "torna" Ruffelli È uno dei tanti incroci tra passato e futuro per la Lazio, la storica società che con i suoi colori ha cresciuto migliaia di giovani talenti per poi, una volta adulti ed affermati, riaccoglierli con orgoglio in casa. Succede anche con Daniele Ruffelli, tecnico in arrivo dal Vis Nova, che da anni lavora con i giovani ed andrà ad arricchire, impreziosendolo, lo Staff del settore delle giovani delle Aquile.
Ecco le sue parole: "Prima di tutto vorrei salutare e ringraziare tutti gli atleti con cui ho condiviso questi otto anni al Vis Nova e dai quali ho ricevuto tantissimo, lo staff tecnico con cui ho collaborato e il presidente Marco Ferraro che mi ha dato la possibilità di sviluppare le mie idee per il settore giovanile. Dal momento in cui ho preso la decisione di cambiare, la Lazio è stato il mio unico obiettivo, l’unica società che ho preso in considerazione. Dopo oltre 20 anni era giunta l’ora di tornare a casa. Ho riabbracciato con gioia il Presidente Massimo Moroli con il quale abbiamo immediatamente condiviso strategie ed obiettivi. La Lazio rappresenta la storia della pallanuoto romana e italiana. Ha partecipato al primo campionato italiano di pallanuoto nel 1912, annovera tra le proprie fila giocatori e tecnici che hanno partecipato e vinto i giochi olimpici. Personalmente grazie alla Lazio ho imparato cosa significhi “senso di appartenenza” e ho raggiunto, giovanissimo, la Nazionale maggiore.
Il progetto per le giovanili è molto ambizioso e sono veramente felice di condividerlo con Claudio Sebastianutti che, come head coach della prima squadra, ha sempre dimostrato di avere il coraggio di puntare sui giovani completando la loro formazione. A tal proposito vorrei ringraziare i Gladiators, grazie ai quali è stato possibile chiudere quest’operazione. La Lazio ha e avrà uno Staff Tecnico di primo livello e non vedo l’ora di iniziare a lavorare con loro. Da oggi per me la Lazio è l’unica cosa che conta".
Di seguito le parole del Presidente Massimo Moroli: "Do il bentornato a casa a Daniele Ruffelli che conosco da quando era giovanissimo e di cui ho apprezzato il percorso tecnico e di vita. Sono sicuro che con lui ci sarà un grande affiatamento con lo staff e potremo progettare una nuova modalità per la diffusione della pallanuoto a Roma e per la selezione dei campioni del domani".

Altri articoli...